Care amiche e amici, vi informiamo che

VENERDI' 20 Novembre 2015 alle ore 20,30

presso la sala dell'Istituto Professionale San Gaetano (Via Stradella Mora, n. 12 a Vicenza)

sarà presentato il libro: “Ritorno alla vita”, (Storie di vittime e carnefici delle maras) alla presenza di Giancarlo Munaretto, uno degli autori.

Le ‘maras o pandillas’ sono bande giovanili, estremamente violente, nate a partire dagli anni 70 tra gli emigranti salvadoregni e honduregni insediati nelle città di Los Angeles e Washington , successivamente diffuse in molti paesi dell'America centrale.e, in epoca recente, anche in Europa. Molti italiani hanno scoperto il fenomeno delle bande latine, e specialmente delle maras salvadoregne, in occasione dell’aggressione subita nel giugno scorso dal capotreno a Milano, attaccato a colpi di machete da membri della banda.

Come comprendere le radici sociali, economiche oltre che culturali e politiche del fenomeno? Da quanto tempo è in corso il processo di espansione in Europa e in Italia , favorito dalle alleanze con le reti del crimine organizzato e del narcotraffico?

Il libro ‘Ritorno alla vita’, con la prefazione del cardinale Pietro Parolin, presenta al pubblico italiano le testimonianze di giovani che, attraverso il progetto “Vida- Esmeralda” (Dal 1988 il programma “Vida-Esmeralda” ha accompagnato il percorso di recupero di circa 400 giovani fra pandilleros, delinquenti organizzati, tossicodipendenti e alcolizzati di El Salvador e Guatemala) hanno incontrato uno spazio di mutuo aiuto e di riabilitazione. La loro esperienza propone elementi di comprensione illuminanti per un intervento efficace in questa problematica sempre più presente anche nel nostro paese.

Introdurrà l'argomento Marco Cantarelli, giornalista e presidente di Alternativa Nord/Sud per il XXI secolo (ANS-XXI ONLUS) , l'incontro sarà moderato da Marta Randon – giornalista de “La Voce dei Berici.”

Vi aspettiamo numerosi!

SCARICA L'INVITO

 

 

GIANCARLO MUNARETTO, è nato a Vicenza nel 1955. Ha svolto attività missionariacome membro della Pia Società San Gaetano nei seguenti Paesi: Argentina

(Bancalari - Bs. As.) dal 1986 al 1996; El Salvador C.A. (Cuyultitán, La Paz) dal 1996 al 2002 e Guatemala (La Verbena, Città di Guatemala) dal 2002

al 2009. È stato promotore di molteplici programmi educativi e di sviluppo comunitario, tra i quali ‘Esmeralda’ e ‘Vida’, gruppi di auto mutuo aiuto di giovani

con problema di dipendenza e appartenenti alle ‘maras’.

È laureato in ‘Scienze Ecclesiastiche’ alla Pontificia Università di Comillas (Madrid), in ‘Psicologia’ e Master in ‘Psicopedagogia Clinica’ dell’Università

di León (Barcellona). Attualmente è insegnante di Filosofia, Antropologia ed Etica dell’Università Cattolica di Cordoba (Argentina).

Carissimi amici, considerata l'importanza dell'incontro del 09/11/2013 alle ore 20,45 nell'accogliente cinema teatro Lux di Camisano a cui tutti possono partecipare, molte persone si sono mobilitate per la buona riuscita dell'appuntamento. Ricordo anche che al mattino c'è un incontro sullo stesso tema in cui sono coinvolti molti ragazzi di varie scuole.

Proprio gli studenti di una classe si sono impegnati a progettare ed a realizzare un manifesto che è stato fatto girare anche sui principali social network, abbiamo ritenuto doveroso inviarvi in allegato la simpatica locandina. Arrivederci a Camisano Vicentino, per quanti possono partecipare.

Silvano

 

Loading ...

Da il Giornale di Vicenza di venerdì 4 giugno 2010

Loading ...
 

Da Il Giornale di Vicenza di venerdì 4 giugno 2010

Loading ...
 

Da Radio Vaticana di domenica 30 Ottobre 2011

Loading ...
 

Di sabato 5 Novembre 2011

Loading ...

Domenica 25 Novembre 2012 00:00

Carissimi sostenitori ed amici, il progetto di aiuto ai bambini in Guatemala grazie al vostro aiuto continua ad ottenere buoni frutti.

Alcune notizie e informazioni sulle ultime attività svolte:

  • Tra fine luglio ed agosto una famiglia di amici, ha deciso di utilizzare le ferie in maniera del tutto diversa e molto impegnata. Esperti nel settore sanitario (Paolo cardiochirurgo e Virginia  infermiera) con i loro tre giovani figli (Riccardo, Francesco e Benedetta) si sono recati (a loro spese) a Patzun in Guatemala per dare il loro importante aiuto  specialistico presso l'ospedale che noi sosteniamo, visitando persone bisognose anche nei villaggi. La loro esperienza è servita anche a valutare, dal punto di vista sanitario, le problematiche per futuri viaggi di medici volontari in Guatemala.
     
  • Il  22 settembre scorso abbiamo partecipato a Pavia ad un incontro organizzato per mettere in contatto le numerose associazioni che "aiutano il Guatemala". Oltre ai partecipanti presenti, hanno aderito all'iniziativa molte associazioni sparse in tutto il territorio nazionale che in vari modi e con obiettivi diversi sono impegnate a migliorare le precarie condizioni di vita della maggior parte della  popolazione del Guatemala. La maggior parte delle associazioni sono impegnate ad  aiutare,  nei più svariati modi, a migliorare le pietose condizioni  in cui vivono i bambini di quel paese sia dal punto di vista sanitario,  alimentare e dell'istruzione. Alcune associazioni si interessano dei diritti civili della popolazione, da sempre calpestati ed ora particolarmente ignorati dalle istituzioni guatemalteche e da molte multinazionali (tra cui anche la italiana Enel Green Power) che nel paese stanno portando ulteriore povertà e distruzione. Ultimamente si sono verificati scontri tra esercito e rappresentanti delle popolazioni Maya che chiedevano il rispetto dei più elementari diritti, ricevendo come risposta l'intervento durissimo dell'esercito che con armi da fuoco pesanti ha causato numerosi morti. A conclusione dell'incontro si è deciso di iniziare un percorso di condivisione via internet di numerosi dati, che possono essere utili per lavorare meglio, con minor dispendio di energie sia in Italia che in Guatemala, inoltre le informazioni delle necessità e delle disponibilità delle varie associazioni verranno comunicate a tutti gli aderenti in modo da non sprecare le numerose "forze disponibili" (è già stato comunicato in questi giorni che un container con destinazione Guatemala ha una parte dello spazio disponibile per associazioni che hanno necessità di inviare materiale).                                             Contiamo che questa collaborazione tra associazioni impegnate da anni nei paesi più poveri del mondo,  con volontari che hanno una buona esperienza  di lavoro, possa dare dei buoni frutti.
  • Dopo vari rinvii  il 10 luglio si è laureato in medicina Carlos, tutti i notevoli costi per i suoi studi universitari sono stati sostenuti da una famiglia vicentina. Il traguardo raggiunto è molto importante, considerando anche che Carlos è di umile famiglia di etnia Maya, senza il sostegno ricevuto dall'Italia non avrebbe potuto studiare. Tutti ci auguriamo che il nuovo medico sia di valido aiuto per il suo paese e tutta la comunità Maya.

 

Dobbiamo comunicarvi una triste notizia, giovedì 13 settembre è mancato Dorino Pagin, un nostro socio di Codevigo in provincia di Padova che dagli anni 90 ha collaborato con Rosa Babuin Tani (sorella del missionario padre Giustiniano Babuin) al progetto di adozioni a distanza che attualmente la nostra associazione sta sostenendo con l'aiuto di tante persone. Dorino di professione ha fatto il maestro, ha partecipato attivamente alla vita sociale della comunità in cui viveva ed è stato "un maestro di vita". Noi  abbiamo avuto  la fortuna di incontrarlo parecchie volte per motivi organizzativi, era sempre disponibile, chiedeva informazioni su come procedeva il progetto ed era pronto a dare i suoi consigli frutto di una grande esperienza di impegno su vari campi. Anche quando la malattia gli aveva creato parecchie difficoltà era sempre disponibile, con la moglie Laura, ad incontrarci in casa sua. Per tutto quello che hai fatto Grazie Dorino.

Anticipiamo a quanti potranno partecipare che gli incontri  con i sostenitori ed amici si terranno a Vicenza sabato 1 dicembre 2012  alle ore 16,30 all'Oratorio Don Bosco di Araceli ed alle 20,30 presso la chiesa di Settecà.Nell'occasione avremo la testimonianza   della famiglia che lo scorso agosto è andata a Patzun.

Sabato 02 Febbraio 2013 17:05

Cari amici e sostenitori, domenica 27 gennaio alcuni di noi hanno presenziato alla cerimonia in ricordo di Padre Giustiniano Babuin (conosciuto da alcuni di voi come Padre Aldo) che si è tenuta nella parrocchia di Domanins  (suo paese di origine). Durante la S. Messa alcune testimonianze hanno rievocato la figura di quest’uomo di grande fede, che ha voluto fortemente vivere e lavorare con i poveri del Guatemala;  una persona buona, che  ha rischiato e spesso ha dovuto pagare di persona  per combattere le ingiustizie e che ha saputo capire il valore fondamentale dell’istruzione per migliorare le condizioni di  vita di questa gente. 
Un grazie va alle amiche del gruppo Missionario della parrocchia di San Michele Arcangelo di Domanins che hanno  permesso la realizzazione di questo evento e che da molti anni lavorano per i progetti avviati da Padre Aldo e per i nostri bambini di Patzun. Una lapide nella cappella del cimitero di Domanins imprime alcune parole che testimoniano la sua grande umanità. 
Queste sono le parole che Padre Giustiniano ha detto nell’ultimo incontro che per noi possono diventare una grande lezione di vita: “Che Cristo Gesù sia sempre il centro del nostro lavoro. Se non c’è fede si perdono l’entusiasmo e gli ideali. Bisogna sentire la necessità di collaborare con Gesù per formare un mondo migliore; il Signore potrebbe cambiare il mondo, ma non lo fa, vuole che noi lavoriamo con Lui. Abbiamo Fede nella parola del Signore e la preghiera sia un dialogo continuo con Lui. Bisogna offrire e offrirsi al Signore dicendogli: sono poco, ma voglio aiutarti a migliorare il mondo e farlo più cristiano. E’ bello perché il Signore ci risponde e ci fa sentire gioia quando facciamo del bene, Egli paga con tanta pace nel cuore”.

 

Leggi gli articoli apparsi nel Messaggero del Veneto:

San Giorgio, in cimitero una lapide per padre Babuin

Una lapide per ricordare padre Giustiniano

 

 

Contatti

AMICI DEL MONDO ONLUS

Via Borgo Scroffa, 24

36100 VICENZA

info@amicidelmondoonlus.it

Codice Fiscale: 95076080241

Privacy Policy

Scroll to top

Per garantire una migliore esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies.